Bloodborne Ita Wiki
Advertisement

La Presenza della luna (nota come Moon Presence nella versione inglese) è un boss opzionale e un Grande Essere apparso in Bloodborne. È considerato il "vero" boss finale del gioco.

Descrizione[]

È una creatura straordinaria composta di pelle e ossa umane, fatta eccezione per la testa. È ricoperta da dozzine di tentacoli, principalmente sulla testa, dove ricordano dei capelli, e sulla coda. Il suo corpo è prevalentemente composto da una spina dorsale umana e da costole. La Presenza della luna non ha un volto, al contrario ha semplicemente un buco sulla testa. È il Grande Essere che ha creato e governa il Sogno del cacciatore. Sconfiggerla risulta nel finale "L'inizio dell'infanzia".

Luogo[]

  • Può essere affrontata solo nel Sogno del cacciatore se almeno tre Terzi di cordone ombelicale sono stati consumati prima di sconfiggere Gehrman, il primo cacciatore. La Presenza della luna viene affrontata appena dopo aver sconfitto Gehrman.

Lore[]

Uno dei Grandi Esseri di Bloodborne, la Presenza della luna controlla e manipola tutto ciò che risiede nel Sogno del cacciatore. Le sue origini sono in gran parte sconosciute, ma la sua primissima comparsa è stata voluta da Laurence, che l'ha richiamata per ragioni sconosciute. Come evidenziato dalla nota al secondo piano dell'Edificio aula magna, la Presenza della luna è anche in qualche modo collegata al Sanguesmunto.

Prima di incontrare il Cacciatore, la Presenza della luna aveva legato Gehrman, il primo cacciatore, al Sogno del cacciatore, così da usarlo come mezzo per realizzare i suoi scopi, principalmente relativi alla caccia agli altri Grandi Esseri. Non è noto se ciò sia legato al fermare la piaga delle belve o allo sterminio degli altri Grandi Esseri. Tuttavia, una nota sempre al secondo piano dell'Edificio aula magna fa intuire che lo scopo della presenza sia proprio quello di braccare ed eliminare i suoi simili.

Strategia[]

I suoi attacchi sono veloci ed erratici, simili a quelli della Belva assetata di sangue. Pur essendo a tutti gli effetti il "vero" boss finale di Bloodborne, la Presenza della luna è più semplice da combattere di Gehrman, affrontato appena prima di lei.

La Presenza della luna inizia sempre lo scontro con delle serie di attacchi composte da tre colpi e che coprono una grande distanza, lasciandola però con la schiena scoperta.

Raggiunta la metà della salute complessiva, lancerà delle sfere bianche che esplodono in sangue, applicando uno stato simile a quello della Nebbia stordente. Questo attacco può essere evitato standole dietro quando lo sferra.

Questo boss può usare un attacco ad area che riduce i PS del cacciatore a 1. Tuttavia, questo attacco la lascia scoperta a eventuali attacchi, poiché necessita di 5-6 secondi per riprendersi. È possibile recuperare i PS durante questa finestra. L'attacco è impossibile da schivare.

Note[]

  • È possibile abbandonare lo scontro usando il Marchio del cacciatore o un Marchio del cacciatore ardito, così da fare rifornimento dopo lo scontro con Gehrman, il primo cacciatore e magari anche acquistare la Lama della sepoltura e il Set di Gehrman.
  • Uccidere la Presenza della luna avvia automaticamente il "Nuovo Gioco +" (una nuova partita), quindi è consigliato sconfiggerla solo dopo aver preso la decisione di avanzare.

Curiosità[]

  • Il suo aspetto ultraterreno, insieme al nome della sua razza, i Grandi Esseri, sono ispirati alle opere di H.P. Lovecraft, che scrisse numerosi libri su orribili creature note come gli "Antichi", delle entità cosmiche dotate di poteri divini, conoscenze proibite e capaci di far impazzire gli esseri umani con un singolo sguardo.
  • L'Automa si riferisce a lei come "Flora, della luna, del sogno". La versione giapponese conferma che "Flora" è il vero nome della presenza.
  • Come la maggior parte dei Grandi Esseri, non ha intenzione puramente maligne e sembra anche essere benevola verso i cacciatori. Il Terzo cordone ombelicale nell'officina fa intuire che sia stato Gehrman a invocarla poiché non riusciva ad accettare la morte di Lady Maria.
  • Il suo aspetto è molto probabilmente ispirato a quello di Nyarlathotep, il Dio Esterno Lovecraftiano soprannominato il "Caos strisciante".
  • È possibile agganciarla anche fuori dall'arena.

Colonna sonora[]

Moon Presence[]

https://youtu.be/PrUbD1mAzDk

Advertisement