Bloodborne Ita Wiki
Advertisement

Il Cervello di Mensis (noto come Brain of Mensis nella versione inglese) è un Grande Essere apparso in Bloodborne.

Descrizione[]

Il Cervello di Mensis è un enorme creatura simile a un cervello, ricoperta di occhi, con un lungo braccio deforme che termina in una mano artigliata.

È la ragione per cui il Cacciatore subisce gli effetti della Follia al suo arrivo nell'Incubo di Mensis. Una leva può essere attivata, avviando un filmato nel quale il cervello viene lasciato cadere nell'abisso sotto la torre. Completato ciò, il cacciatore non subirà più danni una volta uscito dalla torre.

Una volta che il cervello è stato lasciato cadere, il cacciatore può finirlo accedendo al buio abisso attraverso un nuovo ascensore nel panopticon. Totalmente inerme, il cervello è incapace di attaccare e osserverà semplicemente il cacciatore con sguardo pietoso.

Luogo[]

  • Si trova nell'Incubo di Mensis.

Lore[]

Dopo aver esaminato l'incubo, la Scuola di Mensis ha scoperto una mente straordinaria, che presentava i sacri e misteriosi "occhi sull'anima" ritenuti la chiave per l'evoluzione. Ma questi occhi erano di natura inspiegabilmente malvagia e il cervello era spaventosamente marcio, al tal punto che il suo solo sguardo poteva instillare la Follia nei cuori di chiunque lo guardasse anche solo da lontano. Nonostante ciò, il Cervello di Mensis era sempre un Grande Essere, e gli scolari lo lasciarono lì.

Note[]

  • Il Cervello di Mensis lascia una Corda vivente quando ucciso. Dopo aver ottenuto questo oggetto, sarà possibile acquistarne altri campioni al Sogno del cacciatore presso i Messaggeri della vasca dell'Intuizione. Tuttavia, è bene prima "stabilire un contatto".
  • Il Cervello di Mensis ricomparirà una volta ucciso, ma lascerà la Corda vivente una sola volta.
  • La Runa di Caryll Luna può essere ottenuta utilizzando il gesto "Stabilisci contatto" presso il Cervello di Mensis. Notare che sarà necessario attendere un intero minuto prima di acquisirlo.
    • Questa runa afferma che i Grandi Esseri che risiedono negli incubi sono di natura benevola, il che spiegherebbe perché questo offre degli oggetti quando ci si mette in contatto con lui, anche se ciò può sembrare strano considerando che è caduto nel fossato proprio a causa del cacciatore.
      • Poiché la Runa di Caryll Luna incrementa la quantità di Echi del sangue ottenibili dai nemici sconfitti, è possibile che il cervello sia indirettamente chiedendo al giocatore di ucciderlo e porre fine alle sue sofferenze.
  • Dopo aver acquisito la runa Luna, usando nuovamente il gesto sarà possibile ottenere una Saggezza del Grande Essere, ma ciò è possibile solo una volta.
    • Il gesto può essere usato anche dopo aver ucciso la creatura.

Curiosità[]

  • Il Cervello di Mensis è l'unico Grande Essere a non essere considerato un boss. Al contrario, ricompare una volta ucciso.
    • Curiosamente, sembra avere una grandissima quantità di salute, quasi pari a quella di un boss.
    • Il Cervello di Mensis grida dal dolore solo quando ucciso dal giocatore, ma rimane sempre inerme.
  • Mensis significa "mese" in latino ed è il termine utilizzato per indicare il periodo del ciclo mestruale di una donna dove si hanno delle perdite vaginali (comunemente note con il nome di ciclo o mestruazioni). Avviene una volta ogni ciclo lunare di circa 28 giorni e il nome sembra essere rilevanti dati i temi di nascita ed effetti della luna presenti nel gioco.
  • Stando alla descrizione della Corda vivente, il Cervello di Mensis è tremendamente putrefatto. Non solo, ma pare sia stato estratto dall'incubo stesso. Eppure, tutti gli indizi sembrano indicare che sia stato creato al suo interno, poiché sembrerebbe impossibile estrarre un essere di tale pericolosità dall'incubo.
  • Secondo una teoria, il Cervello di Mensis sarebbe nato dalle menti collettive della Scuola di Mensis quando gli scolari si sono proiettati nell'incubo. Ciò ha senso non solo per l'estetica della creatura, che ricorda un cervello, ma anche per un altro fattore. Il cervello possiede due braccia e, su ciascuna mano, sei dita. I Simili del cosmo posseggono lo stesso numero di dita e sono esseri umani che hanno trasceso l'umanità. Forse il sacrificio dell'intera scuola ha creato qualcosa totalmente privo di umanità, e le dita non sono che un vago ricordo delle sue origini.
Advertisement